Uto-ughi.it

Uto-ughi.it
Il sito scambia idee, esperienze e i pensieri della gente. Per tutti quelli che hanno voglia di leggere e scambiare con altri le loro esperienze di vita il Sito fà proprio a caso loro. Il Sito tratta tutti i temi immaginabili, così ognuno potrà ricevere una o più risposte alla propria domanda.
Importante – cosa sapere sulla fattura elettronica Sotto sono elencate le definizioni importantissimi, che si usano nel lavoro con le fatture elettroniche. Chiusura del processo di conservazione - processo, a carico del responsabile, obbligatorio per la conservazione delle fatture elettroniche. La chiusura si effettua con cadenza almeno ogni quindici giorni, e implica la firma dell'archivio e l'apposizione della marca temporale sullo stesso. Conservazione sostitutiva - processo che permette di conservare documenti in formato digitale in maniera che non si deteriorino. Questi documenti sono disponibili nel tempo nella loro integrità e autenticità. La conservazione sostitutiva può essere di due distinte tipologie: conservazione sostitutiva di documenti analogici e conservazione sostitutiva di documenti informatici. Documento analogico - documento formato, che assume le tracce su carta (documenti cartacei), Documento informatico - rappresentazione informatica di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti, garantite devono essere l'integrità e l'autenticità. Evidenza informatica - si definisce un file in cui sono inseriti dati ed informazioni che sono importanti per la fattura e devono essere conservate. Fattura elettronica - fattura che, una volta provvista è inviata in formato elettronico al destinatario. Fatturazione telematica - trasmissione dei dati e informazioni contenute in fattura utilizzando un canale telematico. In questo caso si raccomanda di stampare la fattura. Impronta - sequenza di simboli binari di lunghezza predefinita generata dall’applicazione. Marca temporale, responsabile della conservazione, riferimento temporale. Firma elettronica avanzata - firma ottenuta con una procedura informatica che garantisce la connessione univoca al firmatario e la sua univoca identificazione. Firma elettronica qualificata – firma avanzata che sia basata su un certificato qualificato e creata mediante un dispositivo sicuro per la creazione della firma. Leggi tutto »
Fattura Google Adsense, partiva IVA Scopriamo in questo articolo come comportarsi riguardo il trattamento fiscale e la fatturazione, intestazione fattura, dei guadagni che provengono dall'esposizione di banner Google Adsense nel proprio sito web.
Esistono online migliaia di articoli e informazioni sull'argomento non sempre chiare e veritiere, spesso molti espongono e impongono il loro modo di intendere la cosa da un punto di vista prettamente personale del tutto distaccato da quello che la legge dice. Cercheremo in questo articolo di sintetizzare in maniera chiara le istruzioni da seguire per la fatturazione e per l'emissione della fattura.
Sito:Top-Fattura.it
Sul web non è soltanto Google Adsense lo strumento con cui generare guadagni dal proprio sito web, ma una cosa è monetizzare le visite del proprio sito un altro è ricevere guadagno da un altro soggetto, in questo caso Google persona giuridica che ha sede legale in Irlanda, è bene puntualizzare inoltre che ricevere guadagni da un programma di affiliazioni con sede in Italia è ancora un’altra cosa.
Per percepire guadagni dall'attività online basata su impressioni e click sui banner pubblicitari è necessaria la partita iva, perché avere un sito non è percepito come lavoro occasionale ma come lavoro continuativo essendo il sito sempre online.
Per aprire la partita iva e iniziare a guadagnare con i banner Adsense occorre registrare la partita iva con codice ATECO del Gruppo 63 o 73 e fare riferimento al codice tributo 73.11.02 oppure 73.12.00. Quando si avrà la partita iva aperta bisognerà comunicarla a Google.
Nel momento in cui si percepiranno i guadagni Adsense bisognerà emettere periodicamente fattura a Google riportando tutti i dati necessari per una corretta fatturazione. Molto importante riportare la dicitura: “Fuori campo di applicazione dell’IVA ex art. 7-ter, D.P.R. 633/1972” essendo il soggetto fuori Google. Leggi tutto »
Fattura professionisti o parcella, quali le differenze Probabilmente almeno una volta nella tua vita avrai sentito parlare di fatturazione/fattura professionista o parcella, senza mai esattamente capire al cento per cento la differenza tra i due documenti, il loro utilizzo e modalità di emissione. In questo breve articolo andremo ad analizzare propri questa tipologia di documento per capire cosa esso sia e come bisogna gestirlo.
sito: www.top-fattura.it

Entrambi questi tipi di documenti, fattura professionista e parcella hanno vero e proprio valore fisale che dimostrano l'effettivo svolgimento di un servizio da parte persone che svolgono attività professionali collegate alla libera professione. Le figure professionali che emettono solitamente queste tipologie di documenti sono tutti quei professionisti iscritti agli Albi Professionali, come architetti, avvocati, geologi, notai e altri ancora. Inoltre anche alcune figure professionali che non sono iscritte agli Albi Professionali e gli Agenti di commercio emettono fattura professionisti o parcella.

Nell specifico le figura professionali che non fanno parte della categoria agenti di commercio e che non sono iscritti ad Albi Professionali emettono fattura professionista. La parcella invece è emessa da tutti i professionisti come appunto avvocati o notai, comunque tutte quelle figure iscritte almeno ad un Albo professionale. Gli agenti di commercio invece emettono la fattura provvigioni. Ma cosa deve contenere una fattura professionisti o parcella per esser un documento fiscale valido? Bisognare riportare al suo interno tutti i dati completi di chi offre il servizio cioè del professionista, i dati del cliente e riportare in dettaglio la tipologia di attività svolta. Inoltre nella fattura professionisti o parcella si deve applicare il valore iva, la ritenuta d'acconto e il valore previdenziale. Leggi tutto »
Compilazione di una fattura proforma La fattura proforma come molti sapranno è un documento molto simile alla classica fattura fiscale, ma offre notevoli vantaggi proprio per il fatto che essa non è a tutti gli effetti un documento fiscale e non viene utilizzata per la fatturazione. Oltre ad essere emessa come riferimento iniziale alla vendita di beni o somministrazione di servizi, può essere corretta in qualsiasi momento e ricompilata prima che il pagamento venga ricevuto. Inoltre offre la possibilità di evitare di pagare le tasse prima che il pagamento sia effettivamente stato ricevuto proprio perché l’iva viene calcolata sulla data di effettiva emissione della fattura classica fiscale.
Ma come si compila una fattura proforma e che differenza ha con la fattura fiscale e quale è il suo ruolo nella fatturazione? Di seguito cerchiamo di spiegare questi semplici concetti.
La compilazione di una fattura proforma non differisce di molto dalla compilazione di una fattura classica fiscale, le uniche differenze stanno soltanto nel fatto che nella fattura proforma viene specificatamente ed esplicitamente indicato, fattura proforma. Inoltre nella fattura proforma non bisogna indicare la numerazione crescente della fattura classica fiscale, ma bisogna sempre utilizzare una numerazione diversa, dove utilizzata, perché può effettivamente essere omessa.
Quindi riassumendo in poche parole, possiamo dire e affermare che la fattura proforma è nello specifico un documento senza valore ai fini fiscali non utile per determinare i guadagni o il versamento periodico dell'iva. Viene quindi in genere utilizzata da chi ha necessita di consegnare ai propri clienti finali una fattura fac-simile che ha lo scopo di riepilogare l’ordine di acquisto di beni o di servizi, senza per questo incorrere negli obblighi di legge inerenti la fatturazione.
La fattura proforma è uno strumento molto utile e flessibile, spesso utilizzato dai professionisti, molti dei software che vengo utilizzati per la gestione della fatturazione hanno la funzionalità per la creazione di fatture proforma in maniera molto semplice. Leggi tutto »
Pagina 1 / 3 Pagina:
1
2
3
>